a quale casa tornare testo esplorare / ricerca

 

programma:  concept e organizzazione webinar   (link per accesso diretto)

cliente: inbar

team: sophia los, gianluca rosso

stato: completato 5 maggio 2020

 

Una conversazione rivolta a tutti gli abitanti.

Il virus ha mostrato la fragilità dell’attuale stile di vita. Nelle città, le strade semi deserte si sono ripopolate da animali, e la natura ha iniziato a riprendersi spazio. Silenzio e cieli stellati, amicizie in quota tra dirimpettai. Improvvisamente, le piccole comunità sono apparse desiderabili a molti. Crediamo sia utile riflettere su come desideriamo abitare città e luoghi periferici. Quale sia la forma di spazio adatto a uno stile di vita resiliente di cui si inizia a percepire l’urgenza. 

 

PROGRAMMA WEBINAR organizzato da Sophia Los per Istituto nazionale di Architettura (INBAR)

 

•  Marco Guzzi – Poeta, Filosofo, fondatore del movimento Darsi Pace 

 

•  Sophia Los e Gianluca Rosso,

 

interventi di:

 

•  Anna Carulli architetto, Presidente Nazionale INBAR 

 

•  Marco Caserio architetto, Segretario Nazionale INBAR, delegato alla Formazione

 

•  Cristiana Rossetti architetto, Presidente sezione Verona di INBAR  

 

•  Federica Colpo, agente immobiliare

 

•  Roberta Rocelli, Direttore generale Festival Biblico  

 

•  Marisa Fantin architetto urbanista Archistudio – già vicepresidente Istituto Nazionale Urbanistica 

 

•  Sergio Los già professore di Composizione Architettonìca IUAV – Synergia progetti

 

•  Natasha F.Pulitzer architetto  – Synergia progetti

 

•  Marco Bussone – presidente UNCEM (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montane)

 

https://www.disegnoallitaliana.it/?s=sophia+los

 

libero accesso in villa testo esplorare / ricerca

 

programma: comunicazione inclusiva multisensoriale e multimodale di una villa veneta 

cliente: istituto regionale ville venete, confartigianato vicenza

team: sophia los, erica cunico, fabio barufatto, marco tommasin, marta stocco.

coordinamento progetto: libero accesso/confartigianato vicenza, diana de tomaso, christian caleari

consulenti: Paola Barcarolo, Università Ca’ Foscari (Venezia) e Associazione Lettura Agevolata.

luogo: villa venier, mira, venezia, italia

stato: completato 2014

 

Libero Accesso® è un progetto di animazione economica promosso da Confartigianato Vicenza, che attraverso una Gara di Concorso a “squadre” stimola la progettazione di prodotti innovativi, con un processo di design partecipativo, dove i fruitori finali prendono parte al processo.
Un design centrato sull’utilizzatore secondo i principi del design for all, per creare soluzioni pertinenti e innovative destinate a un’utenza ampliata quindi ad un largo consumo.Progetto multidisciplinare del sistema di visita for all della sede dell’Istituto Ville Venete, Villa Venier –  realizzazione di mappa multisensoriale e multimodale.

Libero Accesso® nell’edizione 2013 accetta di sperimentarsi e di affrontare la visita for all di un bene comune, accogliendo il bisogno espresso dai nostri consulenti-rappresentanti sociali di orientarsi negli spazi pubblici.

La finalità condivisa della sperimentazione è pensare e interpretare le Ville Venete come “luoghi inclusivi”, aperti e sensibili alle diversità, capaci di accogliere in condizioni di comfort e di sicurezza persone con differenti specificità e gradi di libertà.
La Committenza, rappresentata dalla presidente dell’IRVV Giuliana Fontanella, richiedeva un’idea che fosse semplice e riproponibile altrove. Serviva un concept forte, composto da vari elementi, linguaggi, supporti, ed uno strumento che integrasse quattro aspetti che spesso sono in alternativa:
• l’orientamento funzionale
• la comunicazione di contenuti
• il coinvolgimento
• la fruibilità da parte del numero di persone più ampio possibile
Il percorso dell’unità di lavoro comincia con lo studio su Villa Venier, finalizzato a delimitare l’intervento della sperimentazione e si conclude con l’elaborazione del concept e con una bozza di Sistema integrato di visita per tutti, scegliendo di sviluppare e realizzare come primo prodotto del “sistema”
una Mappa multisensoriale e multimodale di orientamento, con i principi di Design for All, quale strumento di “accoglienza” per facilitare la fruibilità e la comprensione della Villa ai visitatori.Abbiamo individuato varie ipotesi e vari strumenti, ma la domanda cardine sulla quale abbiamo impostato tutto il lavoro è stata prioritariamente: chi va a vedere una villa e soprattutto cosa va a vedere e perché? La risposta che abbiamo scelto e che ha guidato tutto il lavoro è stata: la visita può offrire un’ esperienza di “abitare veneto”.

Evento di Presentazione a Villa Venier 19 giugno

Presentazione del progetto Libero Accesso in Villa  al Festival delle Ville Venete a Villa Manin a Passariano (UD) 16 settembre.

relazione villa5_PRW

 

marketing territoriale montagna vicentina testo paesaggio / esplorare

 

programma: “nuovo marketing territoriale per le piccole e medie imprese della montagna vicentina” – mostra e incontri

cliente: confartigianato vicenza

autori: sophia los, luca fattambrini, massimo meggiolaro

collaboratori: renza mara calabrese, matteo pollani, paola de rosso

luogo: asiago (VI), italia

stato: completato 2008

 

 

L’Associazione Artigiani della provincia di Vicenza ha avviato un progetto denominato “Nuovo marketing territoriale per le piccole e medie imprese della montagna vicentina”.

Si tratta di una iniziativa finanziata tramite il fondo europeo di sviluppo regionale, allo scopo di promuovere interventi di animazione economica e favorire la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali nell’area montana.

Rientrano nelle attività progettuali alcune azioni volte a promuovere le lavorazioni e incentivare l’utilizzo locale delle materie prime dell’Altopiano di Asiago, con particolare riferimento al marmo ed al legno. A tal fine è previsto l’allestimento di una piccola mostra sul tema, accompagnata da tre incontri di approfondimento.

Gli appuntamenti avranno principalmente lo scopo di trasferire, agli operatori del settore ed ai rappresentanti degli Enti locali, esperienze di soggetti pubblici e privati, relative ad aspetti regolamentari e forme imprenditoriali, utili allo sviluppo dell’economia locale.

Entrambi i comparti legno e marmo rappresentano due ambiti di potenziale forza economica per l’altopiano di Asiago ma soffrono attualmente di crisi. La concorrenza già nella prima lavorazione della materia prima rende assai arduo l’utilizzo di risorse locali, la mancanza di consorzi limita politiche condivise e la perdita di identità del paesaggio costruito consente la diffusione di stilemi e materiali incoerenti.

Non si tratta solo di alimentare l’imprenditoria ma di agire per la salvaguardia ambientale, potenziando l’identificazione di qualità specifiche dei materiali locali utilizzati anche localmente (attuando quindi un’azione sostenibile per l’ambiente nel risparmio di “energia grigia”), coordinando produzioni organizzate in filiere e recuperando caratteri dell’architettura tipica storica per restituire all’Altipiano l’immagine del suo paesaggio.

 

La mostra “Appunti per un ritratto. L’architettura dei 7 comuni” propone appunto una prima lettura di caratteri quasi scomparsi dell’architettura locale, per renderli riconoscibili agli occhi di abitanti e ospiti.

L’inserimento di incentivi alla costruzione sostenibile nei Regolamenti edilizi potrebbe coinvolgere non solo tecnologie per il risparmio energetico, materiali biocompatibili, progettazione bioclimatica, ma potrebbero essere premiate le scelte verso materiali locali in quanto azione ecologica (riduzione inquinamento dovuto a trasporto).

 

 

Appunti per un ritratto – Testo

Appunti per un ritratto – Mostra

era ecologica la casa dei cimbri

un territorio a regola d’arte testo rigenerazione / esplorare

 

 

programma: progetto multisciplinare per la definizione di linee guida a scala provinciale

cliente: confartigianato vicenza

team: sophia los (capoprogetto), sergio los, SYNERGIA, claudio bertorelli, centro studi usine

collaboratori: nico covre, elena lorenzetto,  luca parolin,  eleonora bottin, francesco dal toso, chiara dal molin , daria petucco, irene visentin 

luogo: sr11 – vicenza, italia

stato: completato 2012

 

In occasione del nuovo Piano urbanistico provinciale (PTCP), Confartigianato Vicenza ha richiesto un progetto pilota per elaborare delle linee guida strategiche rispetto allo sviluppo sostenibile, ambientale, imprenditoriale e urbano. Nel 2013, al progetto è stata dedicata una mostra dall’Ordine degli Architetti P.P.C. di Vicenza in occasione della Festa dell’Architettura – RI_GENERAZIONE, Basilica Palladiana, Vicenza. E’ stato scelto un brano della Strada Regionale 11 come caso di studio, unico brano di territorio per il quale il Piano Provinciale prevede la redazione di masterplan specifico. 

Le azioni:

• Perseguire la multifunzionalità del territorio, indebolendo progressivamente il carattere di strada mercato; 

• Il territorio delle  SR11 non più come elemento lineare di separazione, ma come sequenza di nodi; restituirla all’abitare, ovvero “reintegrarla” nel più ampio contesto ambientale di appartenenza. 

• Ri-costruzione di un paesaggio latente tramite la costante equilibrata interrelazione tra sistema insediativo e sistema agricolo agropolitano e periurbano 

• Attribuire ai suoli agricoli, ed alle attività connesse, un ruolo fondamentale (attualmente del tutto marginale) nel processo di riqualificazione territoriale. 

• La collaborazione sostanziale tra Comuni  ed il coinvolgimento continuo delle parti sociali  

• Attivare gli strumenti della pianificazione strategica e valutare l’utilizzo dei nuovi istituti previsti dalla legge regionale 11/04  (perequazione, credito, compensazione) a livello intercomunale 

 

 

 

©2021 Studio Sol - Sophia Los | P.IVA 03004690248